Napoli. La Galleria Borbonica

Nella parte precedente della nostra guida di Napoli siamo scesi nel sottosuolo per visitare la Napoli Sotterranea. Scendiamo anche oggi, questa volta per vedere un posto meno conosciuto- la Galleria Borbonica.
Al contrario di Napoli Sotterranea essa è un posto abbastanza nuovo (la metà del XIX sec.) scavata per scopi militari.

Anche oggi mettete delle scarpe comode e prendete con voi una tuta o una giacca.
Siete pronti? Allora scendiamo.

La Galleria Borbonica- un po’ di storia

Il tunnel borbonico fu progettato dall’architetto Errico Alvino che ricevette quest’ordine da Ferdinando II di Borbone a febbraio 1853. Lo scopo del viadotto sotterraneo fu coniugare il Palazzo Reale con piazza Vittoria e creare una via di fuga per la famiglia reale o un percorso militare per le truppe acquartierate vicino a piazza Vittoria.

La costruzione del tunnel iniziò ad aprile 1853 dalla parte dell’attuale via Domenico Morelli. Lo scavo non fu facile. I lavoratori incontrarono delle cisterne e, ad un certo punto, anche una muratura invece di tufo. Esso costrinse Alvino a cambiare il progetto e diminuire l’altezza del tunnel che originalmente doveva avere 12 metri. Alla fine i lavori furono completati dopo circa 3 anni nella zona di piazza Carolina senza finire il tunnel (i lavori non raggiunsero il Palazzo Reale e fino alla II Guerra Mondiale non c’era nessun’uscita).

*

Durante la II Guerra tutte le gallerie, anche questa, furono usate come ricovero per i cittadini. Si dice che vi trovarono rifugio tra i 5.000- 10.000 napoletani. Per creare nel sottosuolo un sostituto della civilizzazione i tunnel furono dotati di impianto elettrico e di servizi igienici
Dopo la guerra, fino agli anni ‘70, la galleria fu utilizzata per depositare gli oggetti recuperati dalle macerie dei bombardamenti e come Deposito Giudiziale Comunale. Oggi possiamo vedere li dei relitti sequestri come numerosi autoveicoli e motoveicoli.

Nel 2005 due geologi- Gainluca Minin e Enzo De Luzio- hanno iniziato dei lavori legati alla rivalorizzazione del tunnel, la parte del quale è stata aperta per i visitatori nel 2010.
Ma la storia non finisce qui.
Nel 2012 i geologi hanno ricevuto una lettera da signor Tonin Persico di 90 anni che ha ricordato il rifugio sotto il Palazzo Serra di Cassano dove si nascondeva durante la Guerra insieme all’ex presidente Giorgio Napolitano. Quella parte è stata aperta per i visitatori nel 2015 come la “Via delle memorie”.

In un’intervista il signor Persico ha raccontato che durante la Guerra una bomba è caduta sull’edificio in cui abitava. Per fortuna non è esplosa. Quando l’ha scoperto, è sceso nel rifugio e l’ha detto alle persone che si nascondevano lì ed una di esse ha scritto sul muro “Tutti vivi”.

“Ma Lei studiava, all’epoca dei bombardamenti studiava nel ricovero.
-Io studiavo nel ricovero, anche il nostro carissimo amato presidente Giorgio Napolitano venne a chiedermi perché io stavo sempre a studiare ed io specificai che dovevo a giorni ossia nel mese di giugno del 1943 sostenere la maturità classica.” *

La Galleria Borbonica oggi

Oggi nella Galleria si svolgono concerti e mostre, è anche visitabile durante i weekend (venerdì-domenica).
Potete scegliere fra tre percorsi:

  • ”Standard” durante il quale si possono vedere dei ricoveri. La metà del percorso è accessibile anche ai disabili entrando dall’accesso di via Morelli;
  • ”Avventura” che permette di visitare dei cunicoli stretti e contiene l’imbarcamento su una zattera;
  • “Speleo” durante il quale siete dotati di elmetto speleologico con luce frontale e casco. Permette di vedere dei cunicoli stretti e cisterne, anche utilizzando un ponte in legno ed una teleferica. Accessibile solo per gli adulti.

Le informazioni pratiche

Ci sono due diversi ingressi: Vico del Grottone, n°4 (dietro la Piazza Plebiscito) o Via Morelli, n 40 (ingresso pedonale del Parcheggio Morelli).
L’ingresso per i disabili si trova solo in via Morelli.
L’orario, la durata e il costo dipendono dal percorso.

Il percorso “Standard”:
Apertura per le visite: venerdì, sabato, domenica e festivi alle 10:00, 12:00, 15:00 e 17:00.
Costo adulto: 10 Euro

Il percorso “Avventura”:
Apertura per le visite: venerdi, sabato, domenica e festivialle 10:00, 12:00, 15:00 e 17:00.
Prenotazione obbligatoria.
Ingresso solo dalla via D. Morelli.
Costo adulto: 15 Euro

Il percorso “Speleo Light”:
Apertura per le visite: venerdi, sabato, domenica e festivi alle 11:00 e 16:00.
Prenotazione obbligatoria.
Ingresso solo da Via Domenico Morelli, 61.
Costo: 15 Euro

“La vie delle memorie”:
Giorni di apertura: venerdì, sabato, domenica e festivi alle 11:00 e 16:00.
Costo adulto: 10 Euro; inizio tour da Via Monte di Dio n° 14 (Palazzo Serra di Cassano – Interno A14).

Il sito: http://www.galleriaborbonica.com/it/gallery/
*http://video.ilmattino.it/primopiano/tonino_persico_napolitano_ricovero_bellico_di_m_perillo-126057.html

A presto!

 

 

Se questo post vi è piaciuto, commentate pure. Se pensate anche che questo post possa essere d’aiuto a qualcuno, condividetelo. Apprezziamo ogni vostra azione.